Ritorni

Un vecchio tramonto

Sono tornato a casa.
Dopo sei settimane in Germania finalmente a casa. Quarantacinque minuti di aereo mi fanno toccare il suolo italiano, che non é piú la mia patria o forse sí.
Come metto piede a terra comincia uno strano miscuglio di sensazioni: posso rivedere la mia famiglia, i miei amici, le persone care; la consapevolezza di non fermarmi per piú di quattro giorni, per qualche motivo, non mi turba particolarmente.
Mi godo il tramonto italiano passeggiando per le vie fra le quali sono cresciuto, giocando la parte del turista nella mia cittá.
Come a ogni festa italiana che si rispetti, le celebrazioni avvengono riscoprendo le abitudini alcooliche friulane in compagnia di persone che avrei voluto portare con me in valigia fino in Germania, inframmezzando degnamente con abbondanti cibi insieme a famiglia e amici, in un ritmo serrato che non rende dovuta giustizia alla mia necessitá di sonno ma nutre con abbondanza lo spirito pellegrino del viandante che sono diventato.
Gironzolo per i bar, i vicoli e i ristoranti che tante volte mi hanno visto passare, e sento questa terra vicina e nel contempo lontana, familiare eppure legata a un passato verso il quale forse, in un tempo ancora remoto, potrei voltarmi indietro.
Poi, quattro giorni dopo, il volo di ritorno verso la nuova patria, il lungo viaggio in treno, i distacchi e la malinconia nei confronti delle persone a cui voglio bene, lo sbarco nella umida e gelida Ulm e la corsa in taxi verso casa dove, sotto l’abbaino che dá sulla cintura di Orione, scrivo queste righe completando i pensieri che avevo abbozzato durante la breve permanenza in Italia.

Sono tornato a casa.

O, forse, non esiste una casa per me.
Forse le mie quattro mura sono racchiuse fra l’equatore, i poli e i tropici.
Allora con la mente fantastico sul mio prossimo volo, e capisco che la voglia di partire e di esplorare, e di rincorrere l’equatore, non si assopirá molto presto…

2 risposte a “Ritorni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *